LEGGE DI BILANCIO 2018

Il recente decreto fiscale e la legge di stabilità 2018 hanno introdotto numerose novità in materia fiscale. Di seguito sono riportate le più rilevanti. 

NOVITÀ IN MATERIA DI REDDITO D’IMPRESA E LAVORO AUTONOMO

 

AGEVOLAZIONI IN TEMA DI INVESTIMENTI

Viene prorogata di un anno l’agevolazione finalizzata a favorire gli investimenti in beni strumentali nuovi da parte di imprese e professionisti (super-ammortamenti), con due novità rispetto all’anno precedente:

  1. la maggiore percentuale deducibile di costo ammortizzabile (o canone di leasing) passa dal 40% al 30%;
  2. sono escluse dall’agevolazione tutte le autovetture, ancorché strumentali all’attività (rimangono quindi inclusi nel beneficio solo autocarri e mezzi pesanti).

Si ricorda che l’agevolazione riguarda solo gli investimenti in beni strumentali nuovi, ad esclusione di fabbricati e costruzioni di qualsiasi tipo, dei beni con coefficiente di ammortamento inferiore a 6,5% e delle autovetture.

Gli investimenti devono essere effettuati entro il 31 dicembre 2018, con la possibilità di poter perfezionare l’acquisto entro il 30 giugno 2019 a condizione però che entro la fine del 2018 l’ordine risulti accettato dal venditore e siano stati pagati acconti in misura pari ad almeno il 20% del costo di acquisto.

Sono inoltre prorogati gli incentivi per gli investimenti in nuove tecnologie (industria 4.0). Dette agevolazioni prevedono il riconoscimento di una maggiorazione del 150% del costo ammortizzabile o del canone di leasing in caso di acquisizione di beni materiali ad alto contenuto tecnologico e una maggiorazione del 40% in caso di acquisto di beni immateriali (software). Detti incentivi riguardano particolari categorie di beni e richiedono un’apposita perizia di un tecnico che ne attesti i requisiti, per cui dovranno essere valutati caso per caso.

Per il 2018 è previsto, inoltre, a favore delle imprese un credito d’imposta del 40% delle spese sostenute per la formazione del personale in ambito tecnologico, purché pattuite attraverso contratti collettivi aziendali o territoriali.

Sempre in materia di investimenti, è prorogata la cd. Nuova Sabatini, con la possibilità per le Pmi di accedere a finanziamenti a tasso agevolato e contributi per l’acquisto, anche mediante operazioni di leasing finanziario, di macchinari, impianti e attrezzature nuovi di fabbrica ad uso produttivo.

ESTENSIONE DELLO SPLIT PAYMENT A TUTTE LE SOCIETÀ CONTROLLATE DALLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

A decorrere dal 1° gennaio 2018, è stato esteso l’ambito di applicazione della procedura di pagamento nota come “split payment” anche a tutte le società controllate da Amministrazioni Pubbliche o partecipate in misura non inferiore al 70%.

Si ricorda che con detta procedura, il cedente:

  1. emette la fattura con Iva a debito, con la dicitura “scissione dei pagamenti ex art. 17-ter del DPR 633/72”;
  2.          non deve far rientrare l’IVA a debito esposta in fattura nella liquidazione periodica;
  3.          riceve il pagamento del solo imponibile, in quanto l’IVA viene versata direttamente dal cessionario o committente nelle casse dell’Erario.

Esistono specifici elenchi per verificare l’appartenenza di un soggetto ad una delle categorie previste dalla legge; ad ogni modo, il cedente dovrebbe ricevere indicazione in merito da parte del cliente.

IMPOSTA SUL REDDITO D’IMPRESA (IRI)

Viene rinviata al 2018 la facoltà per le imprese individuali e le società di persone in contabilità ordinaria di poter beneficiare della diversa modalità di tassazione del reddito d’impresa (IRI) con aliquota al 24% (limitatamente agli utili non distribuiti), la cui applicazione era prevista a partire dal 2017.

ACQUISTI DI CARBURANTE

Dal 1° luglio 2018 entrano in vigore specifiche misure di contrasto all’evasione nel settore carburanti che prevedono:

  1. per i distributori, obbligo di fatturazione elettronica per le cessioni di benzina e gasolio effettuate nei confronti dei soggetti passivi IVA, nonché di trasmissione telematica all’Agenzia delle Entrate dei dati relativi alle operazioni nei confronti di privati consumatori;
  2. per tutti i soggetti IVA, obbligo di pagamento mediante carte di credito, bancomat o carte prepagate ai fini della deducibilità/detraibilità del costo.

Dette misure porteranno all’abolizione della carta carburante a partire dall’1.7.2018.

PAGAMENTI DA PARTE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

Dal 1° marzo 2018 cambiano le regole in materia di pagamenti da parte delle pubbliche amministrazioni e delle società a totale partecipazione pubblica. Nello specifico, passa da euro 10.000,00 ad euro 5.000,00 il limite oltre il quale prima di procedere al pagamento verrà verificata la presenza di debiti iscritti a ruolo a carico del creditore.

Nel caso in cui un soggetto risulti moroso in relazione a una o più cartelle per un importo superiore alla soglia indicata, la P.A. sospenderà il pagamento fino a concorrenza del debito iscritto a ruolo.

CREDITO D’IMPOSTA PER L’ACQUISTO DI PRODOTTI IN PLASTICA RICICLATA

È stato istituito un credito d’imposta a favore delle imprese per l’acquisto di prodotti realizzati con plastica riciclata, per gli anni 2018, 2019 e 2020. Il credito d’imposta è pari al 36% delle spese sostenute e riconosciuto fino ad un importo massimo annuale di euro 20.000,00. Con apposito decreto saranno definite le modalità attuative.

CREDITO D’IMPOSTA PER LE IMPRESE CULTURALI E CREATIVE

È stato introdotto un credito d’imposta per le imprese culturali e creative pari al 30% delle spese sostenute per attività di sviluppo, produzione e promozione di prodotti e servizi culturali e creativi. Con apposito decreto saranno definite le modalità attuative.

CREDITO D’IMPOSTA PER EROGAZIONI LIBERALI A FAVORE DELLA RISTRUTTURAZIONE DI IMPIANTI SPORTIVI

È riconosciuto, a tutte le imprese, un credito d’imposta pari al 50% delle erogazioni liberali, in denaro ma di importo non superiore ad euro 40.000,00, effettuate nel corso del 2018 e destinate alla ristrutturazione di impianti sportivi pubblici. Il credito d’imposta è riconosciuto nel limite del 3 per mille dei ricavi annui.

NUOVE SOCIETÀ DILETTANTISTICHE CON SCOPO DI LUCRO

A decorrere dal 1° gennaio 2018, sono istituite le nuove società sportive dilettantistiche con scopo di lucro (SSDL).

Dette società, costituite sotto forma di società di capitali e con specifiche previsioni statutarie obbligatorie, potranno beneficiare della riduzione alla metà dell’aliquota IRES, previo riconoscimento della società da parte del CONI e il rispetto delle condizioni e dei limiti previsti dal regolamento Ue 18.12.2013 n.1407.

I servizi resi dalle suddette società a chi pratica attività sportiva in impianti da loro gestiti saranno assoggettati ad IVA all’aliquota del 10%.

Per dette società non è applicabile il regime forfetario della L. 398/1991.

NOVITÀ IN MATERIA DI ADEMPIMENTI FISCALI

ESTENSIONE DELLA FATTURAZIONE ELETTRONICA

A partire dal 1° luglio 2018 scatterà l’obbligo di fatturazione elettronica per le operazioni di cessione di benzina e gasolio verso soggetti passivi IVA e per le prestazioni rese da subappaltatori e subcontraenti nell’ambito di appalti pubblici.

Dal 2019 l’obbligo sarà esteso a tutte le operazioni effettuate da soggetti passivi IVA (escluso contribuenti minimi e forfettari), anche nei confronti di consumatori finali privati.

Con l’introduzione dell’obbligo generalizzato della fatturazione elettronica verrà abolito lo spesometro, con decorrenza 2019.

SPESOMETRO E LIQUIDAZIONI IVA

Rimane in vigore l’obbligo di invio all’Agenzia delle Entrate, per tutti i titolari di partiva IVA, (eccetto contribuenti minimi e forfettari), dei dati relativi alle fatture emesse e ricevute (solo per il 2018, salvo ripensamenti), nonché dei dati delle liquidazioni IVA.

La presentazione delle liquidazioni IVA continuerà ad essere trimestrale, mentre l’invio dello spesometro relativamente al 2018 sarà (a scelta del contribuente) trimestrale o semestrale.

Per quanto concerne lo spesometro, fra le novità, si segnala la riduzione delle informazioni ivi contenute (riguardo le anagrafiche clienti e fornitori) e la possibilità di trasmettere i dati del documento riepilogativo di importo inferiore ad euro 300,00, finora preclusa.

Le date dei prossimi adempimenti fiscali saranno pertanto le seguenti (presupponendo l’invio dello spesometro su base semestrale):

  • 28.02.2018 – liquidazione IVA 4° trim. 2017 – spesometro 2° semestre 2017;
  • 31.05.2018 – liquidazione IVA 1° trim. 2018;
  • 17.09.2018/01.10.2018 – liquidazione IVA 2° trim. 2018/spesometro 1° semestre 2018;
  • 30.11.2018 – liquidazione IVA 3° trim. 2018;
  • 28.02.2019 – liquidazione IVA 4° trim. 2018 – spesometro 2° semestre 2018.

MODELLI INTRASTAT

Dal 2018 entrano in vigore le seguenti novità in materia di INTRASTAT, con particolare riguardo ai modelli relativi agli ACQUISTI di beni e servizi:

  1. Abolizione dei modelli trimestrali;
  2. Obbligo di presentazione mensile al superamento dei seguenti limiti per trimestre:
    1. 200.000,00 per gli acquisti di beni;
    2. 100.000,00 per gli acquisti di servizi.

Nessuna variazione rilevante per i modelli INTRA relativi alle cessioni di beni e servizi, la cui presentazione mensile/trimestrale rimane ancorata alla soglia di euro 50.000,00 per ciascuno dei quattro trimestri precedenti.

SEMPLIFICAZIONI PER LA TENUTA DEI REGISTRI IVA

A partire dal 6.12.2017 non è più obbligatoria la conservazione cartacea dei registri IVA se tenuti con sistemi elettronici. Detti registri dovranno comunque risultare aggiornati sui supporti elettronici ed eventualmente stampati in caso di accesso, ispezione e verifica su richiesta degli organi procedenti.

NOVITÀ IN MATERIA DI LAVORO

 

INCENTIVI ALL’ASSUNZIONE DI GIOVANI A TEMPO INDETERMINATO

È stato istituito un nuovo incentivo rivolto ai datori di lavoro che dall’1.1.2018 assumano con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato a tutele crescenti (esclusi dirigenti, rapporti di apprendistato e di lavoro domestico) lavoratori con meno di 35 anni (dal 2019, con meno di 30 anni), che non siano stati occupati a tempo indeterminato in precedenza (salvo rapporti di apprendistato non confermati).

L’agevolazione consiste nell’esonero dal versamento dei contributi previdenziali a carico del datore (esclusi i premi INAIL) nella misura del 50%, per un periodo di 36 mesi e un importo massimo di 3.000,00 euro annui.

L’agevolazione è estesa:

  • alle conversioni a tempo indeterminato di contratti a termine;
  • per il periodo più limitato di 12 mesi, alla prosecuzione di contratti di apprendistato;
  • nella misura del 100%, alle assunzioni a tempo indeterminato di studenti impegnati in attività di alternanza scuola-lavoro.

 PAGAMENTO RETRIBUZIONI CON MEZZI TRACCIABILI

Dal 1° luglio 2018 scatterà l’obbligo per i datori di lavoro di corrispondere ai lavoratori la retribuzione utilizzando mezzi di pagamento tracciabili (quali bonifico o assegni) e non più per contanti. L’obbligo in questione non trova applicazione nel pubblico impiego e nei rapporti di lavoro domestico.

NOVITÀ IN MATERIA DI IMMOBILI

 

CEDOLARE SECCA

Viene estesa agli anni 2018 e 2019 l’aliquota ridotta del 10% della cedolare secca per i contratti di locazione a canone concordato (stipulati nei Comuni ad alta densità abitativa o nei quali sia stato deliberato in passato uno stato di emergenza).

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE E RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA

È stata introdotta una nuova proroga, fino al 31 dicembre 2018, delle detrazioni del 50%-65% in materia di ristrutturazioni edilizie e riqualificazione energetica.

La disciplina delle ristrutturazioni edilizie è rimasta immutata rispetto all’anno precedente, con detrazione al 50% e limite di spesa fissato ad euro 96.000,00.

Alcune novità interessano invece le spese sostenute a partire dall’1.1.2018 nell’ambito della riqualificazione energetica, di seguito elencate:

  1. Riduzione della detrazione dal 65% al 50% per le spese di acquisto e posa in opera di finestre e schermature solari;
  2. Determinazione di aliquote diverse (50% o 65%) per le spese di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale, a seconda del tipo di impianto installato.

Per quanto concerne i condomini, è stata introdotta una nuova agevolazione nel caso di interventi su parti comuni di edifici situati nelle zone a rischio sismico 1, 2 e 3 (i comuni del Circondario Empolese si trovano in zona 3), finalizzati congiuntamente alla riduzione del rischio sismico e alla riqualificazione energetica, che prevede:

  1. una detrazione dell’80% se gli interventi determinano il passaggio ad una classe di rischio sismico inferiore;
  2. una detrazione dell’85%, se gli interventi determinano il passaggio a due classi di rischio sismico inferiore.

Detta detrazione, da ripartire in 10 anni, è ammessa per un ammontare di spesa non superiore ad euro 136.000,00 moltiplicato per il numero di unità immobiliari di ciascun edificio.

Questa nuova agevolazione si aggiunge a tutte le altre già in essere in tema di interventi antisismici.

Per quanto concerne il bonus mobili, è possibile beneficiare della detrazione del 50% fino al 31.12.2018, ma solo con riferimento a interventi di ristrutturazione iniziati nel 2017.

È stata introdotta, infine, una nuova detrazione Irpef, nella misura del 36%, per le spese sostenute nel 2018 relative ad interventi (anche se eseguiti su parti comuni condominiali) riguardanti la sistemazione di giardini e terrazzi, ed in particolare:

  • la “sistemazione a verde” di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni, impianti di irrigazione e realizzazione pozzi;
  • la realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili.

Detta detrazione deve essere ripartita in 10 anni, con un limite di spesa di euro 5.000,00.

ALTRE NOVITÀ IN MATERIA DI IMPOSTE DIRETTE

NUOVA TASSAZIONE DIVIDENDI E PLUSVALENZE DERIVANTI DA PARTECIPAZIONI QUALIFICATE

Dal 2018 viene uniformato il regime di tassazione per le partecipazioni qualificate e non qualificate detenute da persone fisiche, con una tassazione a titolo d’imposta del 26% da applicarsi ai dividendi e alle plusvalenze derivanti da cessione.

È prevista, tuttavia, una disciplina transitoria per cui:

  1. per i dividendi, la nuova tassazione di applica agli utili conseguiti e distribuiti a partire dal 2018 oppure formati in anni precedenti ma distribuiti dopo il 2022; di conseguenza, per i dividendi di utili ante 2018, deliberati nel quinquennio 2018-2022, si applicheranno le regole previgenti più favorevoli (aliquote progressive Irpef su una base imponibile del 40%, 49,72% o 58,14%);
  2. per le plusvalenze da cessione, la nuova tassazione si applicherà a quelle realizzate dal 2019.

RIVALUTAZIONE TERRENI E QUOTE SOCIALI E DEI BENI D’IMPRESA

E’ nuovamente concessa la facoltà di rivalutare, tramite pagamento di un’imposta sostitutiva, i valori delle partecipazioni societarie e dei terreni (sia agricoli che edificabili) posseduti al di fuori del regime d’impresa, alla data del 1° gennaio 2018. La perizia di stima dovrà essere asseverata entro il 30 giugno 2018, termine entro il quale dovrà essere versata la prima o unica rata dell’imposta sostitutiva unica, pari all’8%.

COMPENSI PER ATTIVITÀ SPORTIVA DILETTANTISITICA

Dal 2018 è incrementata da euro 7.500,00 ad euro 10.000,00 la soglia entro la quale sono esclusi da Irpef i redditi percepiti da sportivi dilettanti e da cori e bande musicali dilettantistiche.

BONUS 80 EURO AL MESE

Dal 2018 sono incrementate le soglie di reddito Irpef per poter beneficiare del c.d. “bonus Renzi” di 80 euro al mese, nel modo seguente:

  • reddito complessivo fino ad euro 24.600,00 – bonus pieno di euro 960,00 annui;
  • reddito complessivo da euro 24.600,00 ad euro 26.600,00 – bonus in misura ridotta;
  • reddito complessivo oltre 26.600,00 – nessun bonus.

DETRAZIONE PREMI ASSICURATIVI CONTRO RISCHIO EVENTI CALAMITOSI

A decorrere dall’1.1.2018 è possibile detrarre dall’Irpef il 19% dell’importo dei premi per assicurazioni aventi come oggetto il rischio di eventi calamitosi, stipulate relativamente a unità immobiliari ad uso abitativo.

DETRAZIONE SPESE PER ABBONAMENTO AI SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO

Dal 2018 sono detraibili nella misura del 19% le spese sostenute per l’acquisto di abbonamenti al servizio di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale, per un importo massimo di euro 250,00, anche se sostenute da familiari fiscalmente a carico.

ALTRE NOVITÀ

 

ROTTAMAZIONE-BIS CARTELLE EQUITALIA

Viene di nuovo concessa la possibilità di procedere al pagamento agevolato delle cartelle Equitalia, con stralcio delle sanzioni amministrative e degli interessi di mora per tutti i debiti, fiscali e contributivi.

In particolare, la nuova rottamazione riguarda:

  1. I ruoli affidati ad Equitalia dall’1.1.2000 al 31.12.2016 per i debitori che non avevano presentato la domanda entro il 24.4.2017 o per coloro i quali non erano stati ammessi alla prima rottamazione per mancato pagamento di rate al 31.12.2016;
  2. I ruoli trasmessi All’agenzia della Riscossione dall’1.1.2017 al 30.09.2017 per tutti gli interessati.

L’istanza per la rottamazione delle cartelle dovrà essere presentata entro il 15.05.2018 su apposito modello predisposto dall’Agenzia delle Entrate-Riscossione (modello DA2000/17), con pagamento dilazionato in massimo tre rate (caso 1) o cinque (caso 2) entro il 28.02.2019.

INTERESSE LEGALE

A partire al 1° gennaio 2018, il tasso legale è passato allo 0,3%.